Io (s)ballo da sola

di Ester Sciantosi

Una volta ero al ristorante ed avevo una gran sete, ma il cameriere aveva portato in tavola solo il vino, mentre l’acqua tardava ad arrivare; probabilmente se n’era dimenticato.
Mi sono versata mezzo bicchiere di rosso, ma sin d’allora ero perfettamente consapevole che per me, che non bevo mai, quel mezzo bicchiere sarebbe stato un guaio. Ma la sete e l’impazienza poterono più della logica. Bevendo pensavo: “questo non lo devo fare, sono anche a stomaco vuoto, non lo devo  fare”.
E intanto glu glu glu, proprio di gusto, per placare l’arsura.
Beh, mi ricordo solo quello perché poi ho passato il resto della serata con la testa sul tavolo, completamente obnubilata e la mia serata tra amici era svanita così, dentro quel bicchiere.
Mi sono persa i racconti, le risate, le chiacchiere, le battute e tutto quello che c’è stato dopo il ristorante. Carletto mi ha detto che mi ha caricata in macchina e che ero uno spasso così ottenebrata ed assente. Lui magari si sarà divertito a vedermi per una volta in sua balia, totalmente disarmata, senza voglia o capacità di questionare o ribattere. Io mica tanto. E non mi diverto nemmeno quando è lui quello ottenebrato, e certo non solo per mezzo bicchiere di rosso.
Anzi diciamo proprio che lo odio quando fa così.
È così…così…così banale, così usuale, così vecchio; lo fanno tutti, l’hanno fatto tutti qualche volta, non è originale, non è sexy ed è invece molto, molto  pesante. Ride per tre quarti d’ora ad ognuna delle sue battute; ne dice a ripetizione e ride, ride, ride … e poi vomita.
Ed io che invece amo divertirmi e non ho voglia di avere qualcuno a cui badare, da un po’ di tempo mi organizzo le serate senza di lui.
Spero solo di non doverlo andare a raccogliere con il cucchiaino su qualche strada il sabato sera. Lui mi ha assicurato che quando beve “troppo” non guida, ma siamo sicuri che sia in grado di capirlo quando è troppo?
È tanto banale che in Francia la norma addirittura prevede che ogni auto debba essere equipaggiata con un etilometro in modo che chi non ha capito se era “troppo” è ancora più responsabile, perché aveva anche gli strumenti per saperlo … Ester Sciantosi

Ester Sciantosi

Leggi l’articolo

Ultimi articoli

Tecnica, verifiche e conoscenza per la qualità e la sostenibilità delle infrastrutture di trasporto

28/11/2022
di Direzione scientifica SINA

Visita tecnica 16 dicembre 2022  09:00 – 14:00     La qualità nella costruzione e gestione delle grandi infrastrutture di… Leggi >>

Convegno sicurezza stradale obiettivo zero vittime. Oltre 1000 partecipanti.

22/11/2022
di Direzione scientifica - SINA spa

Il 21 novembre 2022, in occasione della “Giornata mondiale in ricordo delle vittime della strada”, si è tenuta la terza… Leggi >>

400 bambini piemontesi incontrano A33 e Autostradafacendo

09/11/2022
di Assunta De Pascalis - SINA

È stato un bellissimo evento, quello che si è svolto lo scorso 27 ottobre grazie all’iniziativa ed alla disponibilità dei… Leggi >>

Gestione in sicurezza delle infrastrutture stradali: grandi infrastrutture nazionali e viabilità urbana

08/11/2022
di Direzione scientifica - SINA

Ordine degli ingegneri di Milano – Roma Capitale/Assessorato ai Lavori Pubblici e alle Infrastrutture in collaborazione con le giornate della… Leggi >>

Le cinture di sicurezza salvano la vita. In Autostrada dei Fiori muore un passeggero senza cinture posteriori allacciate, salvi gli altri.

25/10/2022
di Assunta De Pascalis – SINA

A distanza di 2 mesi da quanto riportato in questo articolo, leggiamo ancora di un morto in Autostrada dei Fiori… Leggi >>

Sommario

Vedi tutti gli articoli >>