home > La sicurezza stradale>Esercizio e tecnologie > QN ci racconta la giornata lombarda della sicurezza stradale

QN ci racconta la giornata lombarda della sicurezza stradale

di Francesco Magagnoli – SINA

Il quotidiano “Il Giorno” ci racconta l’incontro che si è tenuto il 21 Novembre 2013: la “terza giornata lombarda della sicurezza stradale“, evento per cui, su Autostradafacendo, è disponibile anche una notizia elaborata dalla rivista LeStrade.   In tale occasione, Alberto Ceriani di Eupolis ha portato i risultati della sicurezza dicendo, tra l’altro, che in Lombardia l’anno scorso si sono registrati 35.398 Incidenti. La regione ha visto il numero più alto di incidenti, morti e feriti rispetto alle altre regioni, quindi il tema della sicurezza stradale è sicuramente importante e sensibile.

IL GIORNO RACCONTA

Tuttavia questo dato non deve essere fuorviante perché, fortunatamente, è viziato anche dalla dimensione particolare spiccata della mobilità regionale: la regione si piazza infatti in ottima posizione con indici di gravità e di mortalità particolarmente bassi, che seguono solo quelli della regione Liguria e della Toscana. Per ottenere questi risultati sono risultate efficaci anche le attività svolte dal Centro di Governo e Monitoraggio della Sicurezza stradale, attività presentate da Bruno Donno di Regione Lombardia. Il centro svolge principalmente un ruolo di coordinamento, indirizzo, supporto e verifica delle attività previste dagli Enti proprietari e gestori di strade in materia di sicurezza stradale, a partire dallo svolgere un’azione di sostegno alla formazione di Centri di Monitoraggio della sicurezza stradale e di verifica dell’attuazione del piani nazionali. Tutto politico l’intervento dell’Assessore Regionale Simona Bordonali, intervento che ha fatto il titolo su Il Giorno e che richiama il ruolo etico della pubblica amministrazione nella gestione della sicurezza, un bene che va ben oltre ai fattori di natura congiunturale quale il patto di stabilità. Autostradafacendo ed i risultati di sicurezza sull’autostrada Torino-Milano nel 2012 hanno avuto l’opportunità di essere presentati come esempio di buona pratica regionale e di essere commentati anche dal rappresentante dell’Università Cattolica Piermarco Aroldi. Per ulteriori dettagli, leggete l’articolo in questione de “Il Giorno” oppure potete leggete le altre puntate della rubrica le vie della prudenza.

Ultimi articoli

Tecnica, verifiche e conoscenza per la qualità e la sostenibilità delle infrastrutture di trasporto

28/11/2022
di Direzione scientifica SINA

Visita tecnica 16 dicembre 2022  09:00 – 14:00     La qualità nella costruzione e gestione delle grandi infrastrutture di… Leggi >>

Convegno sicurezza stradale obiettivo zero vittime. Oltre 1000 partecipanti.

22/11/2022
di Direzione scientifica - SINA spa

Il 21 novembre 2022, in occasione della “Giornata mondiale in ricordo delle vittime della strada”, si è tenuta la terza… Leggi >>

400 bambini piemontesi incontrano A33 e Autostradafacendo

09/11/2022
di Assunta De Pascalis - SINA

È stato un bellissimo evento, quello che si è svolto lo scorso 27 ottobre grazie all’iniziativa ed alla disponibilità dei… Leggi >>

Gestione in sicurezza delle infrastrutture stradali: grandi infrastrutture nazionali e viabilità urbana

08/11/2022
di Direzione scientifica - SINA

Ordine degli ingegneri di Milano – Roma Capitale/Assessorato ai Lavori Pubblici e alle Infrastrutture in collaborazione con le giornate della… Leggi >>

Le cinture di sicurezza salvano la vita. In Autostrada dei Fiori muore un passeggero senza cinture posteriori allacciate, salvi gli altri.

25/10/2022
di Assunta De Pascalis – SINA

A distanza di 2 mesi da quanto riportato in questo articolo, leggiamo ancora di un morto in Autostrada dei Fiori… Leggi >>

Sommario

Vedi tutti gli articoli >>