Un messaggio indelebile

di Luciana Iorio - Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Due corti di educazione stradale a firma Remi Bezançon e commissionati dal Ministero Francese degli Interni per colpire in modo nuovo il grande pubblico francese. Il messaggio vuole colpire quella fascia di utenti della strada che, forte del proprio metro di giudizio, sottovaluta rischi e conseguenze, ponendosi alla guida come solo attore invincibile e diretto. Il regista non segue il canone formativo naturale, volto a stimolare la consapevolezza del rischio, ma porta tutti con pochi fotogrammi direttamente al di là dell’errore, al dopo, alla lesione, alla perdita ed alla sofferenza. I protagonisti non sono più in gara: lo sono stati, ora sono già vittime. Gli elementi portanti del racconto sono sottintesi. Il rischio come stimolo di un “divertimento” giocato in prima persona e l’azzardo, quella frazione infinitesimale tra il pericolo e l’evento potenziale, sono relegati nell’immaginario. Lo spettatore viene guidato, portato ad intuire cosa si è provato prima dell’incidente, l’adrenalina che smorza il naturale senso di paura con un processo meno logico e sottilmente animale. A livello cerebrale ed in caso di forti emozioni, ci insegnano i neurologi, prevale una ghiandola (l’amigdala) che rappresenta la nostra eredità “primitiva” rispetto alla logica più evoluta del lobo frontale. Sono attimi infatti in cui non si ragiona, e di cui dopo, si ricorda poco o nulla: una sirena, il sorriso indagatore di un volto chino, o forse nulla del tutto.

 

indelebile

 

Nel filo logico di trasmettere un messaggio che lasci il segno, il regista gioca sottile e parte dal secondo capitolo di una storia. Ciò che inizia quando il vissuto di prima è già terminato: la vita dopo in un video, la vita senza nell’altro. La serata con gli amici senza poter più camminare, la serata di una giovane famiglia senza la mamma. Le parti non si possono più riscrivere, il personaggio non si può alzare e versarsi un drink, non si apre nessuna porta per la buonanotte prima della nanna. Il film della vita può cambiare? Forse. Se si osservano le regole è certo meglio. Forse può cambiare se consapevoli del rischio e giustamente terrorizzati dall’alternativa, può cambiare se si preferisce ridurre al minimo la possibilità di quel cambiamento drammatico. Dopo aver accettato, per gioco o per routine, l’azzardo al volante non resta che l’alternativa oscura, il vuoto, il disagio, la pena consegnata giorno dopo giorno a quanto di se stesso è sopravvissuto, a chi ci circonda, a chi si ama. Il Ministero francese parla a quella fascia di utenti che rischiano per noia o per una sensazione forte e vuole passare un messaggio educativo che si interiorizzi e resti indelebile, un messaggio che lasci una traccia, ben prima che un errore alla guida lasci un segno d’altro tipo.

Guarda i video (in francese):

Le Sourire du pompier (Il sorriso del pompiere)

Je vous aime très fort (Vi amo con ardore)

Leggi il comunicato stampa del Ministero Francese

Ultimi articoli

Tecnica, verifiche e conoscenza per la qualità e la sostenibilità delle infrastrutture di trasporto

28/11/2022
di Direzione scientifica SINA

Visita tecnica 16 dicembre 2022  09:00 – 14:00     La qualità nella costruzione e gestione delle grandi infrastrutture di… Leggi >>

Convegno sicurezza stradale obiettivo zero vittime. Oltre 1000 partecipanti.

22/11/2022
di Direzione scientifica - SINA spa

Il 21 novembre 2022, in occasione della “Giornata mondiale in ricordo delle vittime della strada”, si è tenuta la terza… Leggi >>

400 bambini piemontesi incontrano A33 e Autostradafacendo

09/11/2022
di Assunta De Pascalis - SINA

È stato un bellissimo evento, quello che si è svolto lo scorso 27 ottobre grazie all’iniziativa ed alla disponibilità dei… Leggi >>

Gestione in sicurezza delle infrastrutture stradali: grandi infrastrutture nazionali e viabilità urbana

08/11/2022
di Direzione scientifica - SINA

Ordine degli ingegneri di Milano – Roma Capitale/Assessorato ai Lavori Pubblici e alle Infrastrutture in collaborazione con le giornate della… Leggi >>

Le cinture di sicurezza salvano la vita. In Autostrada dei Fiori muore un passeggero senza cinture posteriori allacciate, salvi gli altri.

25/10/2022
di Assunta De Pascalis – SINA

A distanza di 2 mesi da quanto riportato in questo articolo, leggiamo ancora di un morto in Autostrada dei Fiori… Leggi >>

Sommario

Vedi tutti gli articoli >>