home > La sicurezza stradale>Esercizio e tecnologie > Cala l’educazione stradale nelle scuole Piemontesi

Cala l’educazione stradale nelle scuole Piemontesi

di Francesco Magagnoli - SINA

Il Settore Polizia Locale della Regione Piemonte ha reso disponibile 5° Rapporto sulle iniziative di educazione stradale svolte dalla Polizia Locale nelle scuole piemontesi. Dall’indagine emerge che, nonostante l’estensione del servizio ad un numero più elevato di comuni, rispetto alle precedenti rilevazioni, la congiuntura economica negativa e la carenza delle piante organiche hanno portato ad una diminuzione delle ore di educazione stradale erogate ed anche ad una riduzione del numero di studenti interessati.
Il rapporto consolida molti dati sulle iniziative mirate alla sicurezza stradale intraprese nelle scuole piemontesi nel periodo 2011-2013. Da quanto emerge dall’indagine nell’anno scolastico 2011-2012, sono stati 57.312 gli studenti coinvolti nelle iniziative di educazione stradale da parte degli Operatori di Polizia Locale. Mentre nell’anno 2012-2013 gli studenti coinvolti nelle iniziative di educazione stradale sono calati quasi del 10%, raggiungendo il numero 51.940.

scuolepiemonte

Il rapporto della Regione mostra che sia in termini percentuali, sia in assoluto i dati del biennio dimostrano una flessione nella presenza della Polizia Locale nelle scuole. Calano inoltre sia il numero degli Istituti coinvolti, che il numero delle classi, con aumenti – tuttavia marginali – nelle scuole dell’infanzia.
Il rapporto della Regione si conclude affermando che occorrerà non abbassare la guardia e continuare a con iniziative di educazione stradale di qualità e quantità almeno analoghe a quelle sin qui registrate, nonostante che le carenze di organico e di risorse economiche incidano pesantemente sulla sistematicità delle attività di educazione stradale. Infatti, sempre secondo il documento regionale, solo attraverso la realizzazione di interventi capillari e mirati rivolti alla popolazione più giovane, insegnando le regole o correggendo i più diffusi comportamenti di mancata osservanza delle norme stradali, si riuscirà a ridurre il numero delle vittime dei sinistri stradali.

Attraverso questo collegamento è possibile leggere il rapporto nella sua interezza, con tutti i dettagli delle attività intraprese.
Questo articolo è stato stilato grazie alle informazioni pubblicate da Sicurezza Stradale Piemonte. Avevamo precedentemente ripreso notizie da questa fonte, in relazione a: statistiche degli incidenti stradali nell’anno 2013, costi sociali che la Regione aveva dovuto sopportare nello stesso anno a causa dell’incidentalità stradale.

Ultimi articoli

12/02/2024
di Direzione scientifica SINA

Scuola di perfezionamento Gruppo ASTM per l’ingegneria delle infrastrutture   Lo scavo meccanizzato e l’uso del BIM per la gestione… Leggi >>

5° visita tecnica del Corso ASTM per giovani professionisti

14/12/2023
di Direzione scientifica SINA

Scuola di perfezionamento Gruppo ASTMper l’ingegneria delle infrastrutture   Linee guida ponti e problematiche strutturali – 5° incontro in presenza… Leggi >>

Sviluppo sostenibile nella costruzione e gestione delle grandi infrastrutture: la tassonomia europea tra indirizzi e azioni concrete

17/11/2023
di Direzione Scientifica - SINA

Scuola di perfezionamento SINA – gruppo ASTM per l’ingegneria delle infrastrutture   14 dicembre 2023 14:30 – 18:30    … Leggi >>

Sofia ospita la prima conferenza delle polizie stradali europee

05/10/2023
di Direzione Scientifica - SINA

Roadpol è la prestigiosa rete europea delle forze di polizia stradale nazionali, comprensiva delle rappresentanze delle polizie degli Stati membri… Leggi >>

Esercizio autostradale: metodi, tecniche, procedure innovative per la sicurezza e l’efficienza delle infrastrutture

04/10/2023
di Direzione Scientifica - SINA

Scuola di perfezionamento SINA – gruppo ASTM per l’ingegneria delle infrastrutture 15 novembre 2023 09:00 – 13:00   L’esercizio delle… Leggi >>

Sommario

Vedi tutti gli articoli >>