home > La sicurezza stradale>Esercizio e tecnologie > Cala l’educazione stradale nelle scuole Piemontesi

Cala l’educazione stradale nelle scuole Piemontesi

di Francesco Magagnoli - SINA

Il Settore Polizia Locale della Regione Piemonte ha reso disponibile 5° Rapporto sulle iniziative di educazione stradale svolte dalla Polizia Locale nelle scuole piemontesi. Dall’indagine emerge che, nonostante l’estensione del servizio ad un numero più elevato di comuni, rispetto alle precedenti rilevazioni, la congiuntura economica negativa e la carenza delle piante organiche hanno portato ad una diminuzione delle ore di educazione stradale erogate ed anche ad una riduzione del numero di studenti interessati.
Il rapporto consolida molti dati sulle iniziative mirate alla sicurezza stradale intraprese nelle scuole piemontesi nel periodo 2011-2013. Da quanto emerge dall’indagine nell’anno scolastico 2011-2012, sono stati 57.312 gli studenti coinvolti nelle iniziative di educazione stradale da parte degli Operatori di Polizia Locale. Mentre nell’anno 2012-2013 gli studenti coinvolti nelle iniziative di educazione stradale sono calati quasi del 10%, raggiungendo il numero 51.940.

scuolepiemonte

Il rapporto della Regione mostra che sia in termini percentuali, sia in assoluto i dati del biennio dimostrano una flessione nella presenza della Polizia Locale nelle scuole. Calano inoltre sia il numero degli Istituti coinvolti, che il numero delle classi, con aumenti – tuttavia marginali – nelle scuole dell’infanzia.
Il rapporto della Regione si conclude affermando che occorrerà non abbassare la guardia e continuare a con iniziative di educazione stradale di qualità e quantità almeno analoghe a quelle sin qui registrate, nonostante che le carenze di organico e di risorse economiche incidano pesantemente sulla sistematicità delle attività di educazione stradale. Infatti, sempre secondo il documento regionale, solo attraverso la realizzazione di interventi capillari e mirati rivolti alla popolazione più giovane, insegnando le regole o correggendo i più diffusi comportamenti di mancata osservanza delle norme stradali, si riuscirà a ridurre il numero delle vittime dei sinistri stradali.

Attraverso questo collegamento è possibile leggere il rapporto nella sua interezza, con tutti i dettagli delle attività intraprese.
Questo articolo è stato stilato grazie alle informazioni pubblicate da Sicurezza Stradale Piemonte. Avevamo precedentemente ripreso notizie da questa fonte, in relazione a: statistiche degli incidenti stradali nell’anno 2013, costi sociali che la Regione aveva dovuto sopportare nello stesso anno a causa dell’incidentalità stradale.

Ultimi articoli

Tecnica, verifiche e conoscenza per la qualità e la sostenibilità delle infrastrutture di trasporto

28/11/2022
di Direzione scientifica SINA

Visita tecnica 16 dicembre 2022  09:00 – 14:00     La qualità nella costruzione e gestione delle grandi infrastrutture di… Leggi >>

Convegno sicurezza stradale obiettivo zero vittime. Oltre 1000 partecipanti.

22/11/2022
di Direzione scientifica - SINA spa

Il 21 novembre 2022, in occasione della “Giornata mondiale in ricordo delle vittime della strada”, si è tenuta la terza… Leggi >>

400 bambini piemontesi incontrano A33 e Autostradafacendo

09/11/2022
di Assunta De Pascalis - SINA

È stato un bellissimo evento, quello che si è svolto lo scorso 27 ottobre grazie all’iniziativa ed alla disponibilità dei… Leggi >>

Gestione in sicurezza delle infrastrutture stradali: grandi infrastrutture nazionali e viabilità urbana

08/11/2022
di Direzione scientifica - SINA

Ordine degli ingegneri di Milano – Roma Capitale/Assessorato ai Lavori Pubblici e alle Infrastrutture in collaborazione con le giornate della… Leggi >>

Le cinture di sicurezza salvano la vita. In Autostrada dei Fiori muore un passeggero senza cinture posteriori allacciate, salvi gli altri.

25/10/2022
di Assunta De Pascalis – SINA

A distanza di 2 mesi da quanto riportato in questo articolo, leggiamo ancora di un morto in Autostrada dei Fiori… Leggi >>

Sommario

Vedi tutti gli articoli >>