home > La sicurezza stradale>Esercizio e tecnologie > Autostrada dei Fiori prova la sicurezza della galleria Amoretti

Autostrada dei Fiori prova la sicurezza della galleria Amoretti

di Roberto Arditi - SINA

In ottemperanza a quanto previsto dalla disciplina italiana ed europea (‘), a partire dalle ore 20.30 del 28 gennaio 2015, nella carreggiata nord dell’autostrada A10 Savona – Ventimiglia (confine francese), si è svolta una rilevante esercitazione in scala reale che ha visto sul campo i Vigili del Fuoco della Provincia di Imperia, la Polizia Stradale, il Servizio 118 ed il Concessionario Autostrada dei Fiori. La Prefettura di Imperia ha assunto il coordinamento delle operazioni.
L’esercitazione si è svolta all’interno della galleria “Amoretti” che, in direzione Ventimiglia, si incontra immediatamente dopo lo svincolo di Taggia. La galleria si trova su una tratta autostradale di rilievo europeo ed è lunga 557 m, quindi l’esercitazione ricade tra i presidi esplicitamente previsti dal Decreto Legislativo 264/06, inerente i requisiti di sicurezza per le gallerie della grande viabilità europea.
L’orario serale/notturno è stato scelto per ridurre al minimo i disagi al traffico che, per l’occasione, è stato deviato su un’unica carreggiata per alcune ore.

autofioriesercitazioneamoretti

L’esercitazione ha permesso di verificare la prontezza ed il coordinamento operativo di Autostrada dei Fiori e dei Servizi di emergenza sulla base del seguente scenario simulato: “un incidente tra un mezzo pesante che trasporta merci pericolose (ADR) ed un autoveicolo che, entrando dal casello di Taggia, non rispetta la segnaletica di precedenza e fa sbandare il mezzo pesante che non riesce nell’intento di evitare l’impatto. Il mezzo pesante si arresta così a all’interno della galleria, occupando tutta la carreggiata, a circa 100 metri dall’imbocco. Nell’immediato, sopraggiunge un secondo mezzo leggero a forte velocità che, trovandosi la carreggiata completamente ostruita, sbanda, si capotta e urta violentemente contro il mezzo pesante, fermandosi su un fianco. L’evento causa numerosi feriti e lo sversamento di merci pericolose sulla carreggiata.”

Un evento di questa portata prevede una catena di allerta e di intervento che interessa tutti i servizi di emergenza, che devono intervenire sullo scenario per garantire la gestione dell’emergenza tecnica, l’ordine pubblico (a partire dalla sicurezza dei veicoli in approccio all’area incidentale), la gestione dell’emergenza sanitaria con il salvataggio e l’evacuazione dei feriti ed il rapido ripristino della viabilità.
L’esercitazione ha permesso al personale operativo dei diversi Enti e Servizi di sperimentare l’intervento congiunto su un caso estremamente complesso e, conseguentemente, affinare e migliorare la catena informativa ed il coordinamento sul campo, con l’obiettivo di garantire i soccorsi in breve tempo e – contemporaneamente – la massima sicurezza sia per chi è rimasto coinvolto, sia per i soccorritori.

L’esercitazione ha avuto esiti positivi con buona soddisfazione dei Responsabili dei diversi servizi interessati e della prefettura, visto un idoneo esito dell’esercitazione che ha visto la piena collaborazione di tutti gli intervenuti. Questa esercitazione, congiuntamente alle precedenti, rappresenta quel patrimonio di esperienza che permette di garantire una gestione sempre più fluida ed efficace delle emergenze in autostrada, in vista di una circolazione sempre più sicura: la tratta in questione fa parte di una rete stradale che nello scorso decennio ha più che dimezzato le fatalità sulla strada. Questo tipo di esercitazione è un impegno che si pone a premessa per ulteriori miglioramenti, che saranno sicuramente registrati, se anche gli utenti della strada continueranno ad adottare comportamenti sempre migliori a tutela della propria e dell’altrui incolumità.
Seguendo questo collegamento puoi leggere la notizia di una precedente esercitazione di sicurezza, che ha coinvolto Autocamionale della CISA, cliccando qui puoi poi leggere l’articolo relativo all’esercitazione di sicurezza svoltasi all’interno della galleria Montezemolo di Autostrada Torino-Savona. Infine, seguendo questo collegamento trovi le informazioni relative all’esercitazione tenutasi nella galleria Fresonara della Società Autostrada Ligure Toscana (SALT) .

(‘) D. Lgs. 5 ottobre 2006, n. 264 “Attuazione direttiva 2004/54/CE in materia di sicurezza per le gallerie della rete stradale transeuropea”

Ultimi articoli

Ponti e viadotti alla sfida dell’efficienza e della sostenibilità

23/05/2024
di Direzione scientifica - SINA

Scuola di perfezionamento SINA – Gruppo ASTM per l’ingegneria delle infrastrutture 4 giugno 2024 13:30 – 17:30 I viadotti sono… Leggi >>

Infrastrutture, gallerie, ispezioni, problematiche di manutenzione e gestione in sicurezza, PAMI – 7° incontro del Corso ASTM per giovani professionisti

04/05/2024
di Direzione Scientifica - SINA

Scuola di perfezionamento Gruppo ASTM per l’ingegneria delle infrastrutture 22 maggio 2024 14:00 – 18:15 Programma 13:45 Registrazioni 14:00 Apertura… Leggi >>

12/02/2024
di Direzione scientifica SINA

Scuola di perfezionamento Gruppo ASTM per l’ingegneria delle infrastrutture   Lo scavo meccanizzato e l’uso del BIM per la gestione… Leggi >>

5° visita tecnica del Corso ASTM per giovani professionisti

14/12/2023
di Direzione scientifica SINA

Scuola di perfezionamento Gruppo ASTMper l’ingegneria delle infrastrutture   Linee guida ponti e problematiche strutturali – 5° incontro in presenza… Leggi >>

Sviluppo sostenibile nella costruzione e gestione delle grandi infrastrutture: la tassonomia europea tra indirizzi e azioni concrete

17/11/2023
di Direzione Scientifica - SINA

Scuola di perfezionamento SINA – gruppo ASTM per l’ingegneria delle infrastrutture   14 dicembre 2023 14:30 – 18:30    … Leggi >>

Sommario

Vedi tutti gli articoli >>