home > La sicurezza stradale>Esercizio e tecnologie > Un rischio che non viene percepito … non esiste

In questa sezione trovate i nostri articoli di approfondimento tecnologico e di novità sulla strada.

Un rischio che non viene percepito … non esiste

di Roberto Arditi - SINA

Un rischio che non viene percepito, non esiste. Il guidatore, e l’essere umano in generale, quando eseguono un compito ripetitivo, acquisiscono esperienza, ma il compito diviene parte della “routine” psicologica. La routine cresce più velocemente dell’esperienza infatti gli atti di routine sono, per definizione, proprio quelli che facciamo più e più volte, spesso senza alcun apprendimento. Tra questi atti di routine … siamo in grado di circolare per strada e siamo in grado di ripetere alcune manovre, prendendo le opportune decisioni, ecc.
Tutto ciò avviene tuttavia senza alcun rischio percepito da parte del conducente e quindi senza apprendimento e, di conseguenza, non senza esperienza positiva.
Tuttavia, il rischio esiste e all’incidente che avviene direttamente avremmo l’opportunità aggiungere anche l’esperienza dei vari “quasi incidenti” che abbiamo modo di osservare o di sperimentare.

percezionespagna

In sintesi: molte delle situazioni di rischio che circondano il guidatore e la cui decifrazione sarebbe positiva per un progressivo miglioramento della guida non sono invece percepite per mancanza di formazione, per mancanza di informazione, in virtù di false credenze oppure perché seguiamo le “norme informali” che caratterizzano la nostra società. Per tutte queste ragioni, diveniamo in grado di accettare azioni come prendere in mano il telefono cellulare … e non succede nulla; magari accettiamo di fare una piccola infrazione alla segnaletica … e non succede nulla; magari la velocità è inadeguata alla circolazione … e non succede nulla. Fino a quando poi l’incidente accade e – quindi – la precedente percezione viene smentita dai fatti.
Quanto detto è sostanzialmente quanto riporta un articoletto di Roberto Ramos riportato in questa pagina  della rivista (in lingua spagnola) “Trafico y Seguritad Vial”, la rivista sulla sicurezza stradale del Ministero degli Interni Spagnolo (DGT). Autostradafacendo aveva già affrontato più volte il tema della percezione del rischio, ad esempio, tramite gli articoli riportati in questa pagina ed in quest’altra.

Ultimi articoli

Visita tecnica – il caso dell’Autostrada A33 Asti – Cuneo, innovazione nelle infrastrutture stradali: strutture, opere in acciaio e riduzione degli impatti ambientali

09/06/2022
di Direzione scientifica - SINA spa

Scuola di perfezionamento SINA – gruppo ASTM per l’ingegneria delle infrastrutture Visita tecnica La costruzione delle grandi infrastrutture di trasporto… Leggi >>

Cuneo: Autostradafacendo porta la sicurezza stradale nelle aule scolastiche

23/05/2022
di Marco Mariscotti – SINA

Nel pomeriggio di martedì 17 maggio 2022 presso l’Aula Magna dell’Istituto di Istruzione Superiore “G.Baruffi” di Ceva (CN), i circa… Leggi >>

“Capacità statica dei ponti autostradali – ammaestramenti dalle campagne sperimentali in scala reale: normativa, progettazione, ispezioni e monitoraggio” – 18 maggio 2022 data da riservare

22/04/2022
di Direzione Scientifica - Sina spa

Nei mesi di luglio e settembre 2021, Autostrada dei Fiori, SINA ed il Politecnico di Torino hanno effettuato una serie… Leggi >>

Pubblicato volume “Intelligent Transport Systems for Safe, Green and Efficient Traffic on the European Road Network” – SINA Consulente Project Manager, firma l’introduzione

12/04/2022
di Assunta De Pascalis - SINA

I Sistemi Intelligenti di Trasporto (“ITS”) sono facilitatori tecnologici strategici che hanno l’obiettivo di rendere il trasporto stradale sempre più… Leggi >>

ICARO 22 propone un test sulla base dei personaggi di Autostradafacendo

10/03/2022
di Assunta De Pascalis

Il 21 febbraio 2022 si è svolto l’incontro organizzato dalla Polizia di Stato con i formatori di ICARO 22. Come… Leggi >>

Sommario

Vedi tutti gli articoli >>