Una lettera dalla Cina

di Roberto Arditi, SINA

E’ appena finita la settimana Mondiale della sicurezza stradale che ha avuto come tema portante la protezione del pedone e degli utenti deboli. Se ci guardiamo un po’ in giro sembrerebbe che il problema del comportamento su strada sia una costante dell’uomo a qualunque latitudine (e longitudine). Traduciamo qui di seguito una lettera di un certo Ted M., il quale ha scritto al quotidiano China Daily: “Mi chiedo come i cinesi possano essere così amichevoli, educati e gentili l’un con l’altro e diventano poi pienamente inconsapevoli del rischio, ogni volta che mettono un piede su strada o si mettono al volante. I pedoni attraversano senza alcuna cura per la loro sicurezza.

LETTERACINA

I motociclisti accelerano indifferentemente su marciapiedi e su strade senza alcun riguardo per i pedoni e per gli altri veicoli.  Auto e camion tagliano costantemente le corsie. Gli attraversamenti pedonali ed i semafori sono in gran parte ignorati .… Auto che si rifiutano di cedere il passo al traffico in arrivo finiscono per causare ingorghi. I guidatori parcheggiano i propri veicoli ovunque, bloccando i marciapiedi e le strade laterali. Alcune moto sono così sovraccariche che non si può nemmeno vedere il guidatore … La cultura automobilistica è relativamente nuova per la Cina. Fino a pochi anni fa, le biciclette dominavano le strade. Ciclisti (e motociclisti) quindi pensano ancora di avere il diritto di governare le strade. Gli anziani hanno poca comprensione o riguardo per i pericoli ed i giovani mostrano poco buon senso su strada. I guidatori vogliono arrivare a destinazione il più velocemente possibile, senza alcuna considerazione per le esigenze altrui. Le strade sono perciò diventate campi di battaglia dove le auto costose sono usate come armi per sottomettere gli altri. Per fortuna, il governo ha messo in atto regole severe per scoraggiare i pedoni distratti, fatto che sembra un buon inizio per snellire i driver ‘e pedoni comportamenti.” Forse è la recente cultura della strada o forse è un problema di percezione ed accettazione del rischio. E’ solo un problema cinese? Puoi trovare l’originale dell’articolo di China Daily seguendo questo collegamento, puoi invece trovare altre informazioni sulla percezione del rischio seguendo questo collegamento.

Ultimi articoli

Tecnica, verifiche e conoscenza per la qualità e la sostenibilità delle infrastrutture di trasporto

28/11/2022
di Direzione scientifica SINA

Visita tecnica 16 dicembre 2022  09:00 – 14:00     La qualità nella costruzione e gestione delle grandi infrastrutture di… Leggi >>

Convegno sicurezza stradale obiettivo zero vittime. Oltre 1000 partecipanti.

22/11/2022
di Direzione scientifica - SINA spa

Il 21 novembre 2022, in occasione della “Giornata mondiale in ricordo delle vittime della strada”, si è tenuta la terza… Leggi >>

400 bambini piemontesi incontrano A33 e Autostradafacendo

09/11/2022
di Assunta De Pascalis - SINA

È stato un bellissimo evento, quello che si è svolto lo scorso 27 ottobre grazie all’iniziativa ed alla disponibilità dei… Leggi >>

Gestione in sicurezza delle infrastrutture stradali: grandi infrastrutture nazionali e viabilità urbana

08/11/2022
di Direzione scientifica - SINA

Ordine degli ingegneri di Milano – Roma Capitale/Assessorato ai Lavori Pubblici e alle Infrastrutture in collaborazione con le giornate della… Leggi >>

Le cinture di sicurezza salvano la vita. In Autostrada dei Fiori muore un passeggero senza cinture posteriori allacciate, salvi gli altri.

25/10/2022
di Assunta De Pascalis – SINA

A distanza di 2 mesi da quanto riportato in questo articolo, leggiamo ancora di un morto in Autostrada dei Fiori… Leggi >>

Sommario

Vedi tutti gli articoli >>