home > La sicurezza stradale>Esercizio e tecnologie > Nazioni Unite – 11 obiettivi per la sicurezza stradale – Obiettivo nr. 1: la volontà dei Governi

Nazioni Unite – 11 obiettivi per la sicurezza stradale – Obiettivo nr. 1: la volontà dei Governi

di Roberto Arditi - SINA

In vista del 2° Summit globale sulla sicurezza stradale, l’Organizzazione delle Nazioni Unite ha pubblicato un rapporto sulle attività per la sicurezza stradale correlate ai regolamenti ECE. Il documento intitolato “Insieme con UNECE sulla strada della sicurezza” dà conto dello stato di attuazione degli undici obiettivi strategici che l’ONU sta perseguendo in materia di sicurezza stradale.
Nel seguito, puoi leggere un cenno all’obiettivo globale che Autostradafacendo evidenzia questo mese. Alla fine del presente testo troverai i collegamenti per accedere ai precedenti articoli sul tema.

 

unece autostradafacendo obb 1

 

La volontà politica può migliorare gli standard di sicurezza stradale attraverso la definizione di programmi ed iniziative che riconoscono il valore di ogni vita salvata ed i vantaggi di scala per le azioni di questo tipo. La mancanza di volontà politica significa un numero limitato di strategie nazionali e nessuno sforzo dedicato alla sicurezza stradale. La volontà politica è difficile da mobilitare perché i budget sono limitati e gli orizzonti temporali su cui si articola l’azione politica odierna sono brevi – quanto basta per tappare i buchi e placare in questo modo il pubblico degli elettori. Per affrontare il fattore tempo, il piano ONU osserva giudiziosamente che “un decennio sarebbe un lasso di tempo adeguato per agire e incoraggiare gli impegni politici di risorse a livello mondiale e nazionale”. In questo modo i Paesi a basso, medio ed alto reddito potrebbero soddisfare in questo modo le proprie esigenze specifiche in materia di sicurezza.

***********

Tra i molti contenuti, il rapporto dell’ONU richiama le attività di Autostradafacendo come buone pratiche per la promozione della sicurezza stradale. Ci sono infatti riferimenti alle interviste su QN-Il Giorno (pag. 12 del rapporto) ed ai segnalibri distribuiti ai caselli delle autostrade SIAS (pag. 36), oltre che alla “roadmap” sui sistemi intelligenti di trasporto“, cui anche il gruppo ASTM-SIAS ha dato un contributo scientifico.

Precedenti articoli sul tema:
Il rapporto delle Nazioni Unite in vista del summit di Brasilia

Ultimi articoli

12/02/2024
di Direzione scientifica SINA

Scuola di perfezionamento Gruppo ASTM per l’ingegneria delle infrastrutture   Lo scavo meccanizzato e l’uso del BIM per la gestione… Leggi >>

5° visita tecnica del Corso ASTM per giovani professionisti

14/12/2023
di Direzione scientifica SINA

Scuola di perfezionamento Gruppo ASTMper l’ingegneria delle infrastrutture   Linee guida ponti e problematiche strutturali – 5° incontro in presenza… Leggi >>

Sviluppo sostenibile nella costruzione e gestione delle grandi infrastrutture: la tassonomia europea tra indirizzi e azioni concrete

17/11/2023
di Direzione Scientifica - SINA

Scuola di perfezionamento SINA – gruppo ASTM per l’ingegneria delle infrastrutture   14 dicembre 2023 14:30 – 18:30    … Leggi >>

Sofia ospita la prima conferenza delle polizie stradali europee

05/10/2023
di Direzione Scientifica - SINA

Roadpol è la prestigiosa rete europea delle forze di polizia stradale nazionali, comprensiva delle rappresentanze delle polizie degli Stati membri… Leggi >>

Esercizio autostradale: metodi, tecniche, procedure innovative per la sicurezza e l’efficienza delle infrastrutture

04/10/2023
di Direzione Scientifica - SINA

Scuola di perfezionamento SINA – gruppo ASTM per l’ingegneria delle infrastrutture 15 novembre 2023 09:00 – 13:00   L’esercizio delle… Leggi >>

Sommario

Vedi tutti gli articoli >>