home > La sicurezza stradale>Esercizio e tecnologie > Nazioni Unite – 11 obiettivi per la sicurezza stradale – Obiettivo nr. 2: Proteggere gli utenti vulnerabili

In questa sezione trovate i nostri articoli di approfondimento tecnologico e di novità sulla strada.

Nazioni Unite – 11 obiettivi per la sicurezza stradale – Obiettivo nr. 2: Proteggere gli utenti vulnerabili

di Roberto Arditi - SINA

In vista del 2° Summit globale sulla sicurezza stradale, l’Organizzazione delle Nazioni Unite ha pubblicato un rapporto sulle attività per la sicurezza stradale correlate ai regolamenti ECE. Il documento intitolato “Insieme con UNECE sulla strada della sicurezza” dà conto dello stato di attuazione degli undici obiettivi strategici che l’ONU sta perseguendo in materia di sicurezza stradale.
Nel seguito, puoi leggere un cenno all’obiettivo globale che Autostradafacendo evidenzia questo mese. Alla fine del presente testo troverai i collegamenti per accedere ai precedenti articoli sul tema.

 

unece autostradafacendo obb 2

 

Quasi l’80% dei pedoni non sopravvivono agli incidenti che li coinvolgono quando sono colpiti da una vettura in movimento ad una velocità di 50 km/h o superiore (fonte: Speed management, OECD Transport Research Centre, 2006). Con un impatto a 30 km/h, invece, il 90 % dei pedoni riesce a sopravvivere.
La metà dei decessi stradali del Mondo, si verificano tra i tre gruppi principali di utenti vulnerabili:

– motociclisti (23 per cento),

– pedoni (22 per cento),

– ciclisti (5 per cento).

Inoltre, come riportato nel rapporto WHO del 2013, solo 79 paesi hanno politiche di protezione per i pedoni ed i ciclisti, separandoli sulle strade, rispetto ai veicoli a motore e proteggendoli dal traffico ad alta velocità (fonte: World Health Organization, Global Status Report on Road Safety 2013).

Più di recente, 92 paesi hanno invece riferito di avere politiche nazionali o regionali atte ad incoraggiare l’utilizzo della mobilità dei pedoni e dei ciclisti (fonte: rapporto WHO anno 2015).

Visto che i Governi riconoscono sempre la necessità di promuovere forme alternative di mobilità, una maggiore enfasi ed attenzione è necessaria per rendere sicure queste modalità alternative di trasporto.

***********

Tra i molti contenuti, il rapporto dell’ONU richiama le attività di Autostradafacendo come buone pratiche per la promozione della sicurezza stradale. Ci sono infatti riferimenti alle interviste su QN-Il Giorno (pag. 12 del rapporto) ed ai segnalibri distribuiti ai caselli delle autostrade SIAS (pag. 36), oltre che alla “roadmap” sui sistemi intelligenti di trasporto, cui anche il gruppo ASTM-SIAS ha dato un contributo scientifico.

Precedenti articoli sul tema:
Il rapporto delle Nazioni Unite in vista del summit di Brasilia

Obiettivo nr. 1: la volontà dei Governi

Ultimi articoli

Corso di aggiornamento sulla sicurezza stradale per i tecnici di Roma Capitale. SINA partecipa alla tavola rotonda di chiusura.

18/07/2022
di Assunta De Pascalis - SINA

Ai primi di luglio 2022, il Comune di Roma Capitale tramite l’Assessorato ai Lavori Pubblici e alle Infrastrutture ha organizzato… Leggi >>

Una notte di controlli sulla A35 Brebemi (Gruppo Aleatica) contro alcol e droga

12/07/2022
di Assunta De Pascalis - SINA

La collaborazione tra A35 Brebemi, Polizia Stradale e Polizia giudiziaria si è tradotta con una campagna straordinaria di controllo delle… Leggi >>

ICARO 2022-2023, parte la 23esima edizione del progetto di sicurezza stradale destinata alle scuole

11/07/2022
di Assunta De Pascalis – SINA

ICARO inaugura la sua 23ª edizione di educazione alla sicurezza stradale rivolto agli studenti degli Istituti Secondari di primo e… Leggi >>

Incidenti stradali e rianimazione: il video delle scuole guida Europee – in collaborazione con Autostradafacendo

01/07/2022
di Direzione Scientifica SINA

EFA (associazione europea delle scuole guida), in collaborazione con il Consiglio europeo per la rianimazione (ERC) ha lanciato un video… Leggi >>

Improvement opportunities and perspectives for road safety on the South-Eastern Europe

21/06/2022
di Direzione Scientifica SINA

ROADPOL, la rete delle polizie stradali europee, e PIARC Italia, il Comitato Nazionale Italiano della World Road Association, vogliono contribuire… Leggi >>

Sommario

Vedi tutti gli articoli >>