home > La sicurezza stradale>Esercizio e tecnologie > Cinture di sicurezza – le operazioni ad alto impatto della Polizia Stradale

Cinture di sicurezza – le operazioni ad alto impatto della Polizia Stradale

di Sabrina Caiani - SINA

La Polizia Stradale è impegnata in una pluralità di azioni atte a sensibilizzare i guidatori con informazione, educazione stradale ed infine repressione dei comportamenti illegali. Tra le “operazioni ad alto impatto” figurano anche le campagne inerenti l’uso delle cinture posteriori.
Il dato preoccupante è che una ricerca del 2011 a cura dell’Istituto Superiore di Sanità e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha denunciato che solo il 10% dei passeggeri sui sedili posteriori indossa la cintura di sicurezza. Si presume che questo fatto sia adducibile a tre false credenze, peraltro destituite da ogni concreto fondamento: le persone pensano che non sia obbligatorio per legge (falso: vedi C.d.S. art. 172), il secondo perché pensano di essere più protette viaggiando sui sedili posteriori (falso: possono avvenire incidenti gravissimi vedi esempio) e terzo perché nei tragitti brevi si ritiene di non dover mettere le cinture (falso: nelle aree urbane si concentra una rilevantissima quantità di incidenti gravi).

332. allacciate le cinture posteriori

La Polizia con questo nuovo impegno vuole ribadire ai cittadini come l’abitudine a non indossare la cintura sui sedili posteriori comporti un rischio maggiore di essere sbalzati fuori dalla vettura e soprattutto in caso di presenza di airbag gli effetti possono essere molto pesanti.
Per contro l’utilizzo delle cinture da parte di tutti i passeggeri riduce dell’80% l’eventualità di decesso o lesioni gravi.
Nei prossimi mesi in ogni provincia del territorio nazionale per addivenire ad un risultato più concreto in termini di numeri di incidenti riconducibili a questi comportamenti errati verrà aumentato il numero di pattuglie ai posti di controllo.
Questo fenomeno non colpisce solo gli adulti occorre ricordare di allacciare i bambini ai seggiolini o utilizzare gli adattatori a seconda della fascia di età perché nel loro caso devono essere tutelati da adulti consapevoli.
Vedi notizia apparsa su Targato-CN sullo sviluppo dell’iniziativa in questione nella provincia di Cuneo.
Vedi il confronto tra l’uso delle cinture in Italia e nel Regno Unito.

Ultimi articoli

Tecnica, verifiche e conoscenza per la qualità e la sostenibilità delle infrastrutture di trasporto

28/11/2022
di Direzione scientifica SINA

Visita tecnica 16 dicembre 2022  09:00 – 14:00     La qualità nella costruzione e gestione delle grandi infrastrutture di… Leggi >>

Convegno sicurezza stradale obiettivo zero vittime. Oltre 1000 partecipanti.

22/11/2022
di Direzione scientifica - SINA spa

Il 21 novembre 2022, in occasione della “Giornata mondiale in ricordo delle vittime della strada”, si è tenuta la terza… Leggi >>

400 bambini piemontesi incontrano A33 e Autostradafacendo

09/11/2022
di Assunta De Pascalis - SINA

È stato un bellissimo evento, quello che si è svolto lo scorso 27 ottobre grazie all’iniziativa ed alla disponibilità dei… Leggi >>

Gestione in sicurezza delle infrastrutture stradali: grandi infrastrutture nazionali e viabilità urbana

08/11/2022
di Direzione scientifica - SINA

Ordine degli ingegneri di Milano – Roma Capitale/Assessorato ai Lavori Pubblici e alle Infrastrutture in collaborazione con le giornate della… Leggi >>

Le cinture di sicurezza salvano la vita. In Autostrada dei Fiori muore un passeggero senza cinture posteriori allacciate, salvi gli altri.

25/10/2022
di Assunta De Pascalis – SINA

A distanza di 2 mesi da quanto riportato in questo articolo, leggiamo ancora di un morto in Autostrada dei Fiori… Leggi >>

Sommario

Vedi tutti gli articoli >>