home > La sicurezza stradale>Esercizio e tecnologie > Distrazione alla guida ed arroganza … ecco i dolori per il mago della Marvel

Distrazione alla guida ed arroganza … ecco i dolori per il mago della Marvel

di Roberto Arditi - SINA

“Dottor Strange” è un buon esempio di quello che il pubblico si attende dai film della Marvel.  È spiritoso, ricco di effetti speciali, racconta terribili battaglie tra il bene e il male, battaglie che sono vinte, immancabilmente per un soffio, dal bene. Altra caratteristica tipica è che la vittoria non porta mai i vincitori sugli allori. Questi diventano invece degli sconfitti, dilaniati dalle tristezze della propria umanità.

Dal punto di vista di Autostradafacendo è interessante osservare come nel film sia proprio un incidente stradale a sconfiggere il personaggio socialmente vincente. In realtà egli è sconfitto dalla propria arroganza e dalla superficialità alla guida che lo portano all’invalidità, al dolore, alla sconfitta umana e a una successiva ricerca mistica verso il riscatto.

Sotto questo profilo, il film non è solo intrattenimento, ma può indurci a riflettere su ciò che significa vivere con una disabilità.

 657. Dr. Strange mago dopo incidente stradale

Seguendo il collegamento, si può vedere il trailer “Dottor Strange – Il tuo ego smisurato” e, nel seguito, riportiamo una piccola sintesi della trama, per la parte di nostro interesse.

L’affermazione del neurochirurgo Stephen Strange è intimamente legata a ciò che il suo corpo è in grado di fare: elevatissimo è il controllo delle mani richiesto al neurochirurgo, per operare con precisione millimetrica. Il successo diventa arroganza che a sua volta diviene superficialità e distrazione, tanto che doctor Strange guida ad alta velocità su una strada tortuosa e bagnata mentre esamina i raggi X di un caso “sufficientemente complicato per interessarlo”.

L’incidente stradale è inevitabile e diventa lui stesso paziente di un neurochirurgo: la vita è salva ma la mobilità delle mani è seriamente compromessa così come la sua carriera che finisce miseramente.

La ricerca di una cura miracolosa lo porta conoscere l’Antico, un santone tibetano che lo inizia al percorso della fantasia e della magia.

Inaspettatamente toccante un momento finale del film, in cui Strange contempla le proprie cicatrici e le mani ancora tremanti, dal momento che lui ha scelto di non usare la magia per guarire. In una cultura dominante che ha fatto della perfezione fisica il sinonimo di felicità e realizzazione, è cosa interessante vedere uno Strange che sceglie di vivere con i perni nelle mani e con l’orologio dal vetro crepato che diventa un bene prezioso.

Ultimi articoli

Tecnica, verifiche e conoscenza per la qualità e la sostenibilità delle infrastrutture di trasporto

28/11/2022
di Direzione scientifica SINA

Visita tecnica 16 dicembre 2022  09:00 – 14:00     La qualità nella costruzione e gestione delle grandi infrastrutture di… Leggi >>

Convegno sicurezza stradale obiettivo zero vittime. Oltre 1000 partecipanti.

22/11/2022
di Direzione scientifica - SINA spa

Il 21 novembre 2022, in occasione della “Giornata mondiale in ricordo delle vittime della strada”, si è tenuta la terza… Leggi >>

400 bambini piemontesi incontrano A33 e Autostradafacendo

09/11/2022
di Assunta De Pascalis - SINA

È stato un bellissimo evento, quello che si è svolto lo scorso 27 ottobre grazie all’iniziativa ed alla disponibilità dei… Leggi >>

Gestione in sicurezza delle infrastrutture stradali: grandi infrastrutture nazionali e viabilità urbana

08/11/2022
di Direzione scientifica - SINA

Ordine degli ingegneri di Milano – Roma Capitale/Assessorato ai Lavori Pubblici e alle Infrastrutture in collaborazione con le giornate della… Leggi >>

Le cinture di sicurezza salvano la vita. In Autostrada dei Fiori muore un passeggero senza cinture posteriori allacciate, salvi gli altri.

25/10/2022
di Assunta De Pascalis – SINA

A distanza di 2 mesi da quanto riportato in questo articolo, leggiamo ancora di un morto in Autostrada dei Fiori… Leggi >>

Sommario

Vedi tutti gli articoli >>