home > La sicurezza stradale>Esercizio e tecnologie > “La meta è partire”

“La meta è partire”

di Giovanni Frante – ASTM e Roberto Arditi – SINA

Iniziare a pensare a cosa scrivere come primo articolo dell’anno ci sembra molto difficile. Cosa dire che non sia stato già detto? Cosa augurare che non sia stato già augurato?

Sono stati mesi molto complicati per tutti. I progetti iniziali del 2020 si sono dovuti scontrare con una bufera che ha sconvolto profondamente tutta la società, che ha cambiato le nostre abitudini di vita stabilendo nuovi modi di relazionarsi. Dall’inizio dello scorso anno stiamo affrontando una tragedia che non ha precedenti nel mondo moderno; che ha scatenato paure primordiali difronte alle quali noi, nuove generazioni, non ci eravamo mai trovate; che ci ha fatti sentire profondamente fragili davanti alla possibilità di perdere innanzitutto le cose più care come la vita e la salute, nostra e dei nostri affetti; che ha aperto le porte anche a difficoltà sociali, economiche, psicologiche, difficoltà segnate da un contatore che tuttora non si è fermato.

Accanto a questa tragedia mondiale non possiamo non vedere un altro virus che è entrato tra noi, un virus benefico, questo, che ci ha uniti tutti e ci ha spinto alla solidarietà globale, nella ricerca di un vaccino, nell’aiuto tra le nazioni, tra i cittadini. Noi ci auguriamo che questo secondo virus possa continuare a far progredire la società, possa dare vita ad una ulteriore capacità di superare le piccole sofferenze quotidiane, gli egoismi, per lavorare a soluzioni in grado di ripensare alle fondamenta delle società in cui viviamo.

Dal canto nostro non possiamo fare altro che impegnarci per trasformare questo momento di crisi in un’opportunità, ripensando alle cose importanti della vita: la salute, gli affetti, il tempo, la consapevolezza delle nostre azioni, la presenza a noi stessi in ogni cosa che facciamo, in ogni momento che viviamo.

Le società autostradali, che promuovono Autostradafacendo, sono state fortemente colpite dalle conseguenze del virus, come tutti i settori del resto, ma non hanno mai rallentato l’impegno approfittando delle restrizioni in vigore per intensificare i cantieri o per dedicare maggiore tempo agli studi, al fine di migliorare la rete autostradale e renderla più sicura.

Autostradafacendo augura a voi e a noi tutti che ognuno possa usare l’esperienza di questo trascorso 2020 per vivere meglio il 2021 e gli anni a venire.

“La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. È nella crisi che sorge l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera se stesso senza essere superato.”
Albert Einstein, Come io vedo il mondo (1931)

Ultimi articoli

Tecnica, verifiche e conoscenza per la qualità e la sostenibilità delle infrastrutture di trasporto

28/11/2022
di Direzione scientifica SINA

Visita tecnica 16 dicembre 2022  09:00 – 14:00     La qualità nella costruzione e gestione delle grandi infrastrutture di… Leggi >>

Convegno sicurezza stradale obiettivo zero vittime. Oltre 1000 partecipanti.

22/11/2022
di Direzione scientifica - SINA spa

Il 21 novembre 2022, in occasione della “Giornata mondiale in ricordo delle vittime della strada”, si è tenuta la terza… Leggi >>

400 bambini piemontesi incontrano A33 e Autostradafacendo

09/11/2022
di Assunta De Pascalis - SINA

È stato un bellissimo evento, quello che si è svolto lo scorso 27 ottobre grazie all’iniziativa ed alla disponibilità dei… Leggi >>

Gestione in sicurezza delle infrastrutture stradali: grandi infrastrutture nazionali e viabilità urbana

08/11/2022
di Direzione scientifica - SINA

Ordine degli ingegneri di Milano – Roma Capitale/Assessorato ai Lavori Pubblici e alle Infrastrutture in collaborazione con le giornate della… Leggi >>

Le cinture di sicurezza salvano la vita. In Autostrada dei Fiori muore un passeggero senza cinture posteriori allacciate, salvi gli altri.

25/10/2022
di Assunta De Pascalis – SINA

A distanza di 2 mesi da quanto riportato in questo articolo, leggiamo ancora di un morto in Autostrada dei Fiori… Leggi >>

Sommario

Vedi tutti gli articoli >>