home > La sicurezza stradale>Esercizio e tecnologie > La sicurezza stradale: un impegno quotidiano

La sicurezza stradale: un impegno quotidiano

di Andrea Manfron e Alessandro Musmeci – AISCAT

La sicurezza e la tutela dei viaggiatori lungo la rete di competenza hanno sempre rappresentato una priorità assoluta per l’AISCAT – firmataria della Carta europea della sicurezza stradale sin dall’aprile 2004 – e per le Società concessionarie autostradali italiane, che profondono in questo campo un notevole impegno sia in termini di gestione quotidiana, che di ricerca continua dell’ottimizzazione dei processi di prevenzione e di intervento, che di risorse allocate.

Tale impegno ha garantito nel corso degli anni risultati di rilievo che hanno reso il comparto delle autostrade a pedaggio l’unico sistema stradale in Italia ad aver raggiunto (con un anno di anticipo) l’obiettivo posto dall’Unione europea di dimezzare il numero di morti per incidente nel periodo 2001-2010. Con una riduzione del 54% in termini assoluti e del -60% circa in termini di tasso di mortalità, il settore può quindi a buon diritto comprovare l’efficacia degli strumenti e delle azioni poste in essere nel campo della sicurezza stradale.

A fronte di uno sviluppo infrastrutturale che nel corso degli ultimi decenni non è stato adeguato rispetto al forte incremento della domanda di mobilità del Paese, il settore ha impiegato consistenti risorse, tanto finanziarie, quanto umane e tecnologiche, nello sviluppo e nell’implementazione di soluzioni gestionali e tecniche all’avanguardia. Ed è in questo contesto che vanno visti i 100.000 Euro al km investiti in media ogni anno, che includono tutti quegli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria e nuove implementazioni (pavimentazioni drenanti, barriere, impianti di videosorve-glianza, sensori, pannelli a messaggio variabile, ecc.) – oltre alle spese per personale appositamente formato e specializzato – atti a garantire in strada i più alti standard di sicurezza e qualità.

Il sensibile miglioramento di tutti gli indicatori di sinistrosità rappresenta però un nuovo punto di partenza per proseguire con le azioni di potenziamento delle procedure e degli strumenti esistenti: le società concessionarie, difatti, sono consapevoli che col passare degli anni la sfida per consolidare e innalzare gli standard acquisiti diventa progressivamente più impegnativa, perché il peso rivestito in questo campo dalla componente umana, intesa come comportamento del singolo individuo (guida in stato di ebbrezza o di alterazione psico-fisica, distrazione, mancato rispetto delle norme del codice della strada, ecc.), rischia di vanificare l’incremento degli sforzi e delle risorse impiegate.

Accanto a soluzioni tecniche per il contrasto diretto di comportamenti potenzialmente pericolosi (quali i sistemi per il controllo della velocità media da remoto), e il rafforzamento della preziosa collaborazione e della sinergia operativa ormai storica con la Polizia Stradale attiva sulla rete, deve essere evidenziato l’impegno sotto l’aspetto della “comunicazione” che vede le società impegnate in specifiche campagne formative ed educative con l’obiettivo di promuovere condotte di guida corrette, contrastando quei comportamenti errati e non rispettosi del Codice della Strada, che costituiscono statisticamente ben oltre il 90% delle cause di incidente.

Ultimi articoli

Ponti e viadotti alla sfida dell’efficienza e della sostenibilità

23/05/2024
di Direzione scientifica - SINA

Scuola di perfezionamento SINA – Gruppo ASTM per l’ingegneria delle infrastrutture 4 giugno 2024 13:30 – 17:30 I viadotti sono… Leggi >>

Infrastrutture, gallerie, ispezioni, problematiche di manutenzione e gestione in sicurezza, PAMI – 7° incontro del Corso ASTM per giovani professionisti

04/05/2024
di Direzione Scientifica - SINA

Scuola di perfezionamento Gruppo ASTM per l’ingegneria delle infrastrutture 22 maggio 2024 14:00 – 18:15 Programma 13:45 Registrazioni 14:00 Apertura… Leggi >>

12/02/2024
di Direzione scientifica SINA

Scuola di perfezionamento Gruppo ASTM per l’ingegneria delle infrastrutture   Lo scavo meccanizzato e l’uso del BIM per la gestione… Leggi >>

5° visita tecnica del Corso ASTM per giovani professionisti

14/12/2023
di Direzione scientifica SINA

Scuola di perfezionamento Gruppo ASTMper l’ingegneria delle infrastrutture   Linee guida ponti e problematiche strutturali – 5° incontro in presenza… Leggi >>

Sviluppo sostenibile nella costruzione e gestione delle grandi infrastrutture: la tassonomia europea tra indirizzi e azioni concrete

17/11/2023
di Direzione Scientifica - SINA

Scuola di perfezionamento SINA – gruppo ASTM per l’ingegneria delle infrastrutture   14 dicembre 2023 14:30 – 18:30    … Leggi >>

Sommario

Vedi tutti gli articoli >>