home > La sicurezza stradale>Esercizio e tecnologie > Colpo di sonno: bere un caffè non basta

In questa sezione trovate i nostri articoli di approfondimento tecnologico e di novità sulla strada.

Colpo di sonno: bere un caffè non basta

di Assunta De Pascalis - SINA

“Noi vogliamo solo gente sveglia sulle autostrade”, questo è lo slogan che abbiamo scelto per richiamare il rischio che viene in condizione di stanchezza ed ipovigilanza alla guida.
Abbiamo recentemente pubblicato la notizia dello studio francese che ha posto in evidenza l’elevato tributo che la fatica alla guida porta alla sicurezza delle nostre strade ed in particolare delle autostrade.

caffè non basta

Recentemente una tavola rotonda sul tema della sonnolenza alla guida e la sicurezza nei trasporti, organizzato al Congresso Nazionale delle Società Italiana di Otorinolaringologia e Chirurgia Cervico-Facciale ha confermato che addormentarsi al volante può essere fatale e una tazzina di caffè non basta a scongiurare il rischio. L’ unica soluzione quando si avvertono i sintomi precursori del colpo di sonno è fare un sonnellino di almeno 30 minuti.
Secondo gli esperti (vedi www.sioechcf.it), la principale causa del problema è la sindrome delle apnee ostruttive nel sonno (Osas), cioè quello che nella volgata è il “russare”. Sintomo caratteristico della sindrome, infatti, è proprio la sonnolenza, causa o concausa di molti incidenti che avvengono sulle strade italiane.
Applicando alla popolazione italiana i parametri statistici elaborati a libello internazionale, si stima infatti che siano circa 1,6 milioni le persone affette dalla sindrome, prima causa medica degli incidenti stradali. Durante l’incontro è stato stipulato un accordo operativo comune fra società scientifiche, esperti e istituzioni per una campagna di sensibilizzazione dell’ opinione pubblica ed all’ informazione e formazione del personale medico e tecnico sanitario sulla Osas.
Vedi i messaggi della campagna:

  1. Fai una sosta
  2. I ragazzi del sabato sera

Ultimi articoli

Visita tecnica – il caso dell’Autostrada A33 Asti – Cuneo, innovazione nelle infrastrutture stradali: strutture, opere in acciaio e riduzione degli impatti ambientali

09/06/2022
di Direzione scientifica - SINA spa

Scuola di perfezionamento SINA – gruppo ASTM per l’ingegneria delle infrastrutture Visita tecnica La costruzione delle grandi infrastrutture di trasporto… Leggi >>

Cuneo: Autostradafacendo porta la sicurezza stradale nelle aule scolastiche

23/05/2022
di Marco Mariscotti – SINA

Nel pomeriggio di martedì 17 maggio 2022 presso l’Aula Magna dell’Istituto di Istruzione Superiore “G.Baruffi” di Ceva (CN), i circa… Leggi >>

“Capacità statica dei ponti autostradali – ammaestramenti dalle campagne sperimentali in scala reale: normativa, progettazione, ispezioni e monitoraggio” – 18 maggio 2022 data da riservare

22/04/2022
di Direzione Scientifica - Sina spa

Nei mesi di luglio e settembre 2021, Autostrada dei Fiori, SINA ed il Politecnico di Torino hanno effettuato una serie… Leggi >>

Pubblicato volume “Intelligent Transport Systems for Safe, Green and Efficient Traffic on the European Road Network” – SINA Consulente Project Manager, firma l’introduzione

12/04/2022
di Assunta De Pascalis - SINA

I Sistemi Intelligenti di Trasporto (“ITS”) sono facilitatori tecnologici strategici che hanno l’obiettivo di rendere il trasporto stradale sempre più… Leggi >>

ICARO 22 propone un test sulla base dei personaggi di Autostradafacendo

10/03/2022
di Assunta De Pascalis

Il 21 febbraio 2022 si è svolto l’incontro organizzato dalla Polizia di Stato con i formatori di ICARO 22. Come… Leggi >>

Sommario

Vedi tutti gli articoli >>