home > La sicurezza stradale>Esercizio e tecnologie > Sviluppo sostenibile nella costruzione e gestione delle grandi infrastrutture: la tassonomia europea tra indirizzi e azioni concrete

Sviluppo sostenibile nella costruzione e gestione delle grandi infrastrutture: la tassonomia europea tra indirizzi e azioni concrete

di Direzione Scientifica - SINA

Scuola di perfezionamento SINA – gruppo ASTM per l’ingegneria delle infrastrutture

 

14 dicembre 2023

14:30 – 18:30

 

 

Lo sviluppo sostenibile e duraturo può essere promosso dalla capacità (tecnica ed istituzionale) delle imprese di operare in modo ambientalmente e socialmente sostenibile. Questo fatto è ancora più vero nel caso dei gestori delle grandi infrastrutture per la mobilità nazionale. È infatti necessario interagire con un ampio spettro di decisori interni ed esterni all’organizzazione, è necessario garantire un approccio olistico: dalla gestione d’impresa all’ingegneria, dalla selezione dei materiali alla costruzione di nuove opere.

I vertici e le figure apicali delle aziende, sempre più, sono chiamati a rendere conto circa la sostenibilità del proprio operato con la pretesa di una maggiore trasparenza riguardo le scelte gestionali e di pianificazione. A livello europeo, è stata adottata la strategia del c.d. “Green Deal” che racchiude una serie di azioni che hanno effetti a livello ambientale, sociale e di gestione d’impresa (ESG), strategia il cui scopo primario risiede nel raggiungere la neutralità climatica dell’economia europea al 2050, attraverso una transizione che necessita del contributo del settore finanziario.

Per far fronte a queste problematiche sempre più pervasive nel sistema economico, l’Unione europea si è dotata anche di un sistema di classificazione comune, denominato tassonomia ambientale dell’UE per gli investimenti sostenibili, sistema che intende standardizzare i criteri con cui le attività economiche possono essere riconosciute come ambientalmente sostenibili. Il nuovo quadro di riferimento indirizza le aziende verso attività aventi requisiti stringenti di sostenibilità ambientale ed è significativo sia per definire le “obbligazioni verdi” (Green Bond), sia per i nuovi criteri comunitari di rendicontazione previsti con la direttiva sulla rendicontazione di sostenibilità (CSRD).

L’art. 17 del regolamento UE 2020/852 inerente il sistema di «Tassonomia per la finanza sostenibile» richiama anche il principio di non arrecare danni significativi all’ambiente (DNSH – Do No Significant Harm), entrato ormai anche negli standard per la progettazione innovativa.

Programma

 

14:25 Collegamento con la piattaforma Zoom

14:30 Apertura dei lavori

  • Salvatore CRAPANZANO – Ordine degli Ingegneri di Milano

 

Relazioni di apertura:

14:45 Il quadro istituzionale ed aziendale

  • Amelia CELIA – (ASTM) – dagli indirizzi nazionali alla pianificazione strategica
  • Malika SEDDI (ASECAP) – overview of European practices and priorities from European In-stitutions on the sustainability of road infrastructures
  • Alessandra PIPITONE FEDERICO (ASFA) – What is taxonomy and its implementation for road operators

 

Relazioni tecniche:

15:30 La strada della sostenibilità

  • Dorina SPOGLIANTI (SINA) – Sostenibilità, tassonomia e ambiente: l’impatto sulla progettazione
  • Diego RUBINI (ASTM) – Le autostrade ASTM ed il principio di non arrecare danni significativi
  • Valter Natalino RE (SATAP) – Conversione ecologica: le strategie per l’autostrada A4

 

16:15 Pausa

 

16:45 Piani ed esperienze verso l’eccellenza ambientale

  • Stefano PESCE (ITINERA) – Sostenibilità: dal progetto al cantiere, alle opere
  • Filippo CHIARIELLO (Ecorodovias) – Piani per la sostenibilità ambientale in Brasile

 

17:15 Dibattito finale su “Tassonomia” (Tavola Rotonda con tutti i relatori), moderato da Roberto ARDITI – SINA/Gruppo ASTM


18:15 Conclusioni – Marco GAROZZO (Amministratore Delegato SINA – Gruppo ASTM)

 

18:30 Chiusura seminario

 

Materiale

Traccia delle presentazioni

 

Crediti Formativi Professionali:

VALIDO PER IL RILASCIO DI 4 CREDITI FORMATIVI PROFESSIONALI (D.P.R. 137 DEL 07/08/2012) per i soli iscritti all’Albo degli Ingegneri (Crediti validi su tutto il territorio nazionale). Gli architetti iscritti all’albo possono presentare un’autocertificazione su iM@teria, chiedendone il riconoscimento e presentando l’attestato di partecipazione.

 

A cura di: Roberto Arditi – SINA

Data 14 dicembre 2023
Orario 14:30 – 18:30
Sede Web – piattaforma dell’Ordine degli Ingegneri

Ultimi articoli

Infrastrutture, gallerie, ispezioni, problematiche di manutenzione e gestione in sicurezza, PAMI – 7° incontro del Corso ASTM per giovani professionisti

04/05/2024
di Direzione Scientifica - SINA

Scuola di perfezionamento Gruppo ASTM per l’ingegneria delle infrastrutture 22 maggio 2024 14:00 – 18:15 Programma 13:45 Registrazioni 14:00 Apertura… Leggi >>

12/02/2024
di Direzione scientifica SINA

Scuola di perfezionamento Gruppo ASTM per l’ingegneria delle infrastrutture   Lo scavo meccanizzato e l’uso del BIM per la gestione… Leggi >>

5° visita tecnica del Corso ASTM per giovani professionisti

14/12/2023
di Direzione scientifica SINA

Scuola di perfezionamento Gruppo ASTMper l’ingegneria delle infrastrutture   Linee guida ponti e problematiche strutturali – 5° incontro in presenza… Leggi >>

Sviluppo sostenibile nella costruzione e gestione delle grandi infrastrutture: la tassonomia europea tra indirizzi e azioni concrete

17/11/2023
di Direzione Scientifica - SINA

Scuola di perfezionamento SINA – gruppo ASTM per l’ingegneria delle infrastrutture   14 dicembre 2023 14:30 – 18:30    … Leggi >>

Sofia ospita la prima conferenza delle polizie stradali europee

05/10/2023
di Direzione Scientifica - SINA

Roadpol è la prestigiosa rete europea delle forze di polizia stradale nazionali, comprensiva delle rappresentanze delle polizie degli Stati membri… Leggi >>

Sommario

Vedi tutti gli articoli >>